Come prepararsi

al prelievo!

Digiuno

Vi è accordo unanime sull’opportunità che il paziente si presenti al prelievo a digiuno da almeno 8 – 12 ore. In questo periodo possono essere assunte solo modiche quantità di acqua e devono essere assolutamente escluse bevande zuccherate, alcolici, caffè, fumo.
Queste sostanze infatti possono rendere inaccurate o addirittura impossibile le quasi totalità delle determinazioni ematochimiche.

 

Dieta

Nei giorni che precedono il prelievo la dieta dovrebbe essere quanto più possibile abituale, evitando brusche variazioni dell’apporto calorico sia in eccesso che in difetto. In seguito alla riduzione drastica dell’apporto calorico (300/600 calorie/die), infatti, si è riscontrata una diminuzione del volume plasmatico del 30%. Questa alterazione induce rapidi cambiamenti nel sangue che le analisi rivelano.
La dieta deve essere abituale anche qualitativamente ovvero con un apporto di carboidrati, proteine e grassi che segua la normale dieta personale.

Farmaci

Esistono numerosi studi riguardanti l’effetto dei farmaci sui test di laboratorio. Le interferenze possono manifestarsi direttamente o indirettamente a livello analitico. Nel primo caso esse non sono sempre e completamente prevedibili nella loro entità per un’ampia serie di variabili individuali che determinano l’assorbimento, il metabolismo e l’eliminazione del farmaco. Non di tutti i farmaci in commercio sono sufficientemente noti gli effetti collaterali, né vengono analizzate ed indicate le eventuali interferenze a livello analitico.
La più corretta preparazione del paziente agli esami ematochimici dovrebbe prevedere la mancanza assoluta e più prolungata possibile di qualsiasi trattamento farmacologico.
Questa norma deve essere rispettata senza eccezioni in caso di screening o di profili metabolici in persone sane e in soggetti asintomatici.

Esercizio fisico

Le variazioni delle attività enzimatiche e di alcuni analiti provenienti dalla muscolatura scheletrica in seguito all’esercizio fisico intensivo e protratto sono fenomeni attesi ed in genere da evitarsi immediatamente prima del prelievo o nelle 8 – 12 ore che lo precedono. Questa norma deve essere assolutamente osservata in caso di analisi delle urine per la determinazione della clearance della creatinina.

 

PRELIEVO

Netlab è in grado di offrire ai suoi pazienti il servizio di prelievo a domicilio. Previa prenotazione, un infermiere si recherà direttamente al domicilio del paziente per effettuare il prelievo.

Il ritiro referti, in base alla zona in cui è stato fatto il prelievo, sarà possibile nella struttura stessa o riconsegnato dall’infermiere.

Per ulteriori informazioni, , contatta il nostro numero.

ESENZIONI

Essendo convenzionato con il SSN la nostra struttura eroga prestazioni in regime di esenzione.

Per le prestazioni effettuate a carico del SSN il costo del ticket è di 36,15 €.

A partire dal 01/10/2010 il D.R. 53 del 27/09/2010 ha introdotto una quota fissa a carico degli assistiti pari a 10,00 € a ricetta per i non esenti e di 5,00 € a ricetta per gli esenti ad esclusione dei seguenti codici: E02, E03, E04, E05, F01, G01, G02, V01, 023. A partire dall’11/07/2011 il D.L.98 ha introdotto la quota di 10,00 € a ricetta per i pazienti non esenti.

Per gli esami svolti privatamente vige il tariffario disponibile in accettazione.

Per effettuare prestazioni in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, il paziente deve presentare un documento di riconoscimento valido e idonea impegnativa contenente: nome, cognome ed età dell’assistito; numero della tessera sanitaria con l’indicazione di eventuali diritti di esenzione dal pagamento nonché il motivo e/o numero dell’esenzione; l’indicazione diagnostica; gli esami richiesti.

©2019 by Diagnostica NetLab